Istituto Scolastico Arnolfo di Cambio

Scuola Secondaria di Primo Grado
Via Volterrana n. 2

53034 Colle Di Val D'Elsa (Si)

codice fiscale:82001770526
C.M.: SIMM022003
codice univoco fatturazione: UFZXGR


Tel.: 0577 920078

Fax: 0577 920729

e-mail:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PEC:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO POSSO ..VOGLIO.. RIESCO

SI RIPORTA LA PRESENTAZIONE  in pdf REDATTA  PER IL MONITORAGGIO DI MARZO 2015 RICHIESTO DALL'USR TOSCANA.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

(Prof.ssa Annalisa Nencini)

 

presentazione ppt

monitoraggio da parte dei docenti delle attività di tipo A

Si pregano i docenti incaricati dei corsi per le attività di tipo A di riempire e consegnare al referente la scheda allegata debitamente compilata entro il 20 marzo 2015, per un monitoraggio intermedio

Il  Dirigente scolastico

(Prof.ssa Annalisa Nencini)

Obiettivi essenziali MATEMATICA classe TERZA

CLASSE TERZA

IL NUMERO

Rappresentare i numeri relativi sulla retta orientata.

Svolgere operazioni coi numeri relativi.

Eseguire semplici espressioni con i numeri relativi.

Conoscere il significato di monomio e polinomio.

Eseguire semplici equazioni di primo grado.

SPAZIO E FIGURE

Conoscere i principali elementi della circonferenza.

Saper calcolare lunghezza della circonferenza e area del cerchio.

Conoscere descrivere e riprodurre lo spazio intorno a sé con particolare riferimento ad alcune figure solide .

Esplorare modelli di figure solide (parallelepipedo, cubo e piramide regolare) indicandone gli elementi fondamentali.

Costruire e disegnare i solidi.

Applicare regole e rispettare norme della rappresentazione grafica; interpretare linguaggi convenzionali. (Tecnologia)

Misurare e calcolare volumi e aree di superfici di alcuni solidi (cubo, parallelepipedo e piramide regolare).

Risolvere semplici problemi utilizzando le proprietà geometriche della figura.

RELAZIONI

Conoscere il piano cartesiano e saper rappresentare i punti a partire dalle coordinate.

Rappresentare relazioni sul piano cartesiano: proporzionalità diretta.

DATI E PREVISIONI

Utilizzare la notazione frazionaria per indicare la probabilità di un evento.

Selezionare i dati in base ad una caratteristica, ordinarli, organizzarli in tabelle.

Individuare le frequenze di eventi.

Calcolare moda, media e mediana.

Obiettivi essenziali MATEMATICA classe SECONDA

CLASSE SECONDA

IL NUMERO

Svolgere operazioni fra frazioni.

Eseguire semplici espressioni con frazioni.

Conoscere il significato della radice quadrata.

Saper utilizzare le tavole numeriche per la ricerca di quadrati e radici quadrate.

Saper calcolare le percentuali.

Saper approssimare un numero decimale. Calcolare semplici proporzioni.

SPAZIO E FIGURE

Conoscere le principali proprietà delle figure geometriche e saperle rappresentare con gli strumenti del disegno.

Saper orientare enti geometrici all’interno di uno spazio tridimensionale.(Tecnologia)

Saper progettare e costruire semplici oggetti con materiali di recupero. (Tecnologia)

Riconoscere le figure congruenti ed equivalenti.

Calcolare con formule dirette aree e perimetri di poligoni (almeno quadrato rettangolo e triangolo).

Applicare il teorema di Pitagora per calcolare i lati di un triangolo rettangolo.

RELAZIONI

Classificare figure geometriche (riconoscere triangoli e quadrilateri).

Rappresentare relazioni rappresentate con le frazioni (i due terzi di …).

DATI E PREVISIONI

Ricavare informazioni da un grafico.

Obiettivi essenziali MATEMATICA classe PRIMA

 Nuclei tematici                                                      

Nuclei trasversali

Il numero                                                                    

Misurare

Lo spazio e le figure                                                

Argomentare

Le relazioni                                                    

Risolvere e porsi problemi

I dati e le previsioni

 

OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA E TECNOLOGIA

SECONDARIA I GRADO

CLASSE PRIMA

Obiettivi relativi ai nuclei tematici

IL NUMERO

     Eseguire confronti tra numeri e rappresentarli sulla retta.

     Utilizzare i simboli di maggiore e minore.

 Saper eseguire le quattro operazioni con numeri interi e decimali (per la divisione, essere in grado di eseguire divisioni tra numeri interi con divisore al massimo di due cifre).

Moltiplicazione e divisione per 10.

Eseguire semplici espressioni di calcolo, conoscendo l’uso delle parentesi e le convenzioni sulla precedenza delle operazioni.

Calcolare potenze elementari e saper applicare le relative proprietà.

Saper scomporre in fattori primi numeri naturali, utilizzando i criteri di divisibilità del 2,3, 5.

Conoscere il concetto di multiplo, di divisore, di m.c.m. e saper calcolare quest’ultimo almeno tra due numeri.

Identificare frazioni equivalenti.

SPAZIO E FIGURE

Saper rappresentare gli angoli e conoscere i termini specifici: angolo acuto, ottuso, retto, piatto, giro.

Saper disegnare rette parallele e perpendicolari.

Saper disegnare i triangoli e conoscere le principali proprietà, saper disegnare le costruzioni geometriche elementari (asse del segmento, divisione di un segmento in parti uguali, parallela ad una retta data, perpendicolare ad un estremo di un segmento). (Tecnologia)

RELAZIONI -

Rappresentare alcune relazioni significative (essere uguale a, essere multiplo

di........)

DATI E PREVISIONI

Raccogliere dati

Rappresentare i dati con tabelle e grafici anche tramite l’utilizzo di strumenti informatici.

Saper seguire procedimenti e istruzioni per il montaggio e smontaggio di un oggetto di uso quotidiano. (Tecnologia)

Riconoscere i materiali che costituiscono gli oggetti di uso comune e le principali proprietà che li rendono idonei. (Tecnologia)

Obiettivi relative ai nuclei trasversali

MISURE

- Effettuare misure, saper usare il goniometro

-conoscere alcune unità di misura importanti per la vita quotidiana: saper pesare, leggere l’orologio e usare il denaro

Gli obiettivi specifici di apprendimento relativi ai nuclei trasversali, soprattutto per quanto riguarda il RISOLVERE E PORSI PROBLEMI e ARGOMENTARE, difficilmente possono essere conseguiti in tempi medio brevi e interessano tutti. È sufficiente individuare gli elementi di un problema (dati e incognite) e risolvere semplici problemi tratti da situazioni pratiche.

Obiettivi essenziali ITALIANO classe TERZA

ITALIANO – CLASSE TERZA

OBIETTIVI ESSENZIALI PER IL PROGETTO CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA

  1. Leggere e comprendere globalmente testi narrativi, espositivi e argomentativi
  2. Scrivere testi anche semplici ma sufficientemente corretti e coerenti
  3. Riferire oralmente su un argomento di studio con chiarezza
  4. Riconoscere gli elementi fondamentali della frase complessa

OBIETTIVO

  1. Leggere e comprendere globalmente testi narrativi, espositivi e argomentativi

ATTIVITA’

Svolgere attività per migliorare le modalità di lettura e attuare strategie per la comprensione del testo:

  • Lettura (eventualmente anche ascolto) di testi narrativi (prima fase), espositivi ed argomentativi (seconda fase)
  • Esercizi di comprensione a risposta aperta
  • Esercizi di comprensione a risposta chiusa
  • Esercizi di comprensione sul modello Invalsi
  • Esercizi di sintesi del testo (ad esempio individuare parole chiave,  informazioni principali, individuare le sequenze, fare la sintesi)

OBIETTIVO

  1. Scrivere testi anche semplici ma sufficientemente corretti e coerenti

ATTIVITA’

  • Esercizi per progettare un testo (organizzazione delle idee in una scaletta)
  • Esercizi di scrittura di frasi e testi
  • Esercizi sulle più frequenti difficoltà ortografiche
  • Esercizi sull’uso della punteggiatura

Tipologie di testo: diario, lettera, relazione su un’attività svolta 

OBIETTIVO

  1. Riferire oralmente su un argomento di studio con chiarezza

ATTIVITA’

  • leggere e sottolineare le informazioni principali (scegliere alcuni argomenti trattati)
  • organizzare le informazioni principali in uno schema
  • esporre l’argomento con l’ausilio dello schema

OBIETTIVO

  1. Riconoscere gli elementi fondamentali della frase complessa

ATTIVITA’

  • Esercizi di base dell’analisi del periodo (sottolineare i verbi, dividere in frasi, individuare la principale)
  • Esercizi di analisi logica della frase semplice (individuare il soggetto e il predicato, poi i complementi ad alta frequenza)
  • Ripasso delle principali parti del discorso
  • Esercizi di grammatica sul modello Invalsi

Obiettivi essenziali ITALIANO classe SECONDA

ITALIANO – CLASSE SECONDA

OBIETTIVI  ESSENZIALI PER IL PROGETTO CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA

  1. Leggere e comprendere globalmente testi narrativi di vario tipo
  2. Scrivere testi anche semplici ma sufficientemente corretti e coerenti
  3. Riferire oralmente su un argomento di studio con chiarezza
  4. Riconoscere gli elementi fondamentali della frase semplice

OBIETTIVO

  1. Leggere e comprendere globalmente testi narrativi di vario tipo

ATTIVITA’

Svolgere attività per migliorare le modalità di lettura e attuare strategie per la comprensione del testo:

  • Lettura (eventualmente anche ascolto) di testi  narrativi di crescente lunghezza
  • Esercizi di comprensione a risposta aperta
  • Esercizi di comprensione a risposta chiusa
  • Esercizi di comprensione sul modello Invalsi
  • Esercizi di sintesi del testo (ad esempio individuare parole chiave,  informazioni principali, individuare le sequenze, fare la sintesi)

Tipologie di testo prevalentemente trattate nella classe seconda: racconto d’avventura, giallo, fantasy, testi narrativi di vario tipo, diario, lettera, autobiografia

OBIETTIVO

  1. Scrivere testi anche semplici ma sufficientemente corretti e coerenti

ATTIVITA’

  • Esercizi per progettare un testo (organizzazione delle idee in una scaletta)
  • Esercizi di scrittura di frasi e testi
  • Esercizi sulle più frequenti difficoltà ortografiche
  • Esercizi sull’uso della punteggiatura

Tipologie di testo: racconto di esperienze, pagine di diario, lettere

OBIETTIVO

  1. Riferire oralmente su un argomento di studio con chiarezza

ATTIVITA’

  • leggere e sottolineare le informazioni principali (scegliere alcuni argomenti trattati)
  • organizzare le informazioni principali in uno schema (anche con l’ausilio di strumenti tecnologici)
  • esporre l’argomento con l’ausilio dello schema

OBIETTIVO

  1. Riconoscere gli elementi fondamentali della frase semplice

ATTIVITA’

  • Esercizi di analisi logica della frase semplice (individuare il soggetto e il predicato, poi i complementi ad alta frequenza)
  • Ripasso delle principali parti del discorso
  • Esercizi di grammatica sul modello Invalsi

Obiettivi essenziali ITALIANO classe PRIMA

ITALIANO – CLASSE PRIMA

OBIETTIVI  ESSENZIALI PER IL PROGETTO CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA

  1. Leggere e comprendere globalmente testi narrativi di vario tipo
  2. Scrivere testi anche semplici ma sufficientemente corretti e coerenti
  3. Riferire oralmente su un argomento di studio con chiarezza
  4. Riconoscere le principali parti del discorso

OBIETTIVO

  1. Leggere e comprendere globalmente testi narrativi di vario tipo

ATTIVITA’

Svolgere attività per migliorare le modalità di lettura e attuare strategie per la comprensione del testo:

  • Lettura (eventualmente anche ascolto) di testi  narrativi di crescente lunghezza
  • Esercizi di comprensione a risposta aperta
  • Esercizi di comprensione a risposta chiusa
  • Esercizi di comprensione sul modello Invalsi
  • Esercizi di sintesi del testo (ad esempio individuare parole chiave,  informazioni principali, individuare le sequenze, fare la sintesi)

Tipologie di testo prevalentemente trattate nella classe prima: favola, fiaba, leggenda, mito, testi narrativi di vario tipo

OBIETTIVO

  1. Scrivere testi anche semplici ma sufficientemente corretti e coerenti

ATTIVITA’

  • Esercizi per progettare un testo (organizzazione delle idee in una scaletta)
  • Esercizi di scrittura di frasi e testi
  • Esercizi sulle più frequenti difficoltà ortografiche
  • Esercizi sull’uso della punteggiatura

Tipologie di testo scritto prevalentemente proposte nella classe prima: racconto di esperienze, testo descrittivo, testo creativo (ad esempio invenzione di fiabe)

OBIETTIVO

  1. Riferire oralmente su un argomento di studio con chiarezza

ATTIVITA’

  • leggere e sottolineare le informazioni principali (scegliere uno o più argomenti)
  • organizzare le informazioni principali in una mappa o schema (anche con l’ausilio di strumenti tecnologici)
  • esporre l’argomento con l’ausilio dello schema

Argomenti trattati nella classe prima: oltre alle tipologie di testo elencate al punto 1, viene studiata l’epica (in particolare Iliade, Odissea, Eneide)

OBIETTIVO

4) Riconoscere le principali parti del discorso

ATTIVITA’

  • Esercizi di analisi grammaticale della frase semplice (imparare a distinguere le parti del discorso, poi analizzarne gli aspetti principali)
  • Esercizi di grammatica sul modello Invalsi

Fasi operative progetto dispersione

  USR/MIUR    Comune di Colle di Val d'Elsa    I.Professionale "C.Cennini"   Rete di associazioni TEATRANGO

Scuola Secondaria di Primo grado "A. Di Cambio"

A.S. 2014-2015

POSSO, VOGLIO... RIESCO:

progetto per la prevenzione e il contrasto

della dispersione scolastica

FASI OPERATIVE

  1. ATTIVITÀ DI TIPO A

Le attività di tipo A inizieranno da metà novembre e avranno luogo per 15 settimane.

Obiettivi

Descrizione delle attività

Classi e numero totale di  di alunni

Organizzazione settimanale delle attività

-Recupero delle competenze di base in italiano, matematica e lingua inglese

-Sviluppo di strumenti per l'autovalutazione

-Riduzione del numero di ripetenze, di assenze e di note disciplinari

-Attività di piccolo gruppo

-Attività laboratoriali

-Costruzione di percorsi di studio attraverso le nuove tecnologie

-Registrazione delle attività in un portfolio individuale

Classi prime:

9 alunni (1 alunno per classe)

In orario mattutino:

2 ore di italiano

2 ore di matematica

1 ora di inglese

Classi seconde:

9 alunni (1 alunno per classe)

In orario mattutino:

2 ore di italiano

2 ore di matematica

1 ora di inglese

Classi terze:

9 alunni (1 alunno per classe)

In orario mattutino:

2 ore di italiano

2 ore di matematica

2 ore di inglese

2.ATTIVITÀ DI TIPO B

 

CLASSI SECONDE

Le attività di tipo B per le classi seconde inizieranno da novembre

Obiettivi

Descrizione delle attività

Numero di alunni coinvolti

Organizzazione delle attività

Operatori

-Sviluppo della creatività personale

Valorizzazione delle differenze e delle specificità personali

-Sviluppo di competenze relazionali comunicative

-Incremento dellapartecipazione e dellacooperazione

Laboratorio sulle arti integrate (musica, teatro, arti visive)

Gruppo di 25 alunni individuati in tutte le classi seconde

-12 incontri di 2 ore

(martedì pomeriggio nei locali della scuola)

- 1 lezione aperta alle famiglie

-performance finale

-Esperti dell'ass. Diesis Teatrango

-Docenti dell'Istituto che partecipano al percorso formativo

 

 

CLASSI TERZE

Le attività di tipo B per le classi terze inizieranno da novembre

Obiettivi

Descrizione delle attività

Numero di classi coinvolte

Organizzazione delle attività

Operatori

-Sviluppo della creatività personale

Valorizzazione delle differenze e delle specificità personali

-Sviluppo di competenze relazionali comunicative

-Incremento dellapartecipazione e dellacooperazione

-I fase:

Attività di pedagogia clinica

-II fase:

Laboratori sulle arti integrate (teatro, musica, arti visive)

6 classi terze

(3A, 3B, 3C, 3D, 3H, 3N)

I fase:

2 incontri di 2 ore per ogni terza (in classe, da novembre)

II fase:

incontri in orario pomeridiano con  le associazioni e gli enti del territorio che lavorano in campo artistico/culturale (nelle sedi delle ass.)

I fase: operatori dell'associazione Diesis Teatrango; docenti dell'Istituto che partecipano al percorso formativo

II fase: operatori del territorio

Laboratori pratici presso l'Istituto Cennini (date: 27 novembre, 4,11,18 dicembre)

Obiettivi

Descrizione delle attività

Numero di alunni coinvolti

Organizzazione delle attività

Operatori

-Valorizzare le differenze e delle specificità personali

-Valorizzare i talenti e le capacità in attività pratiche

-Favorire una maggior consapevolezza nella fase di orientamento alla scelta della scuola superiore

Attività pratiche di meccanica, elettronica, moda

30 alunni individuati in tutte le classi terze

(Colle, Casole, Radicondoli)

-3 gruppi di 10 alunni per ciascun gruppo

-4 incontri il giovedì pomeriggio, presso l'Istituto professionale Cennini

-dalle 14,30 alle 17,00 (con trasporto del Comune per l'andata)

-Docenti del Cennini

- Docenti interni di tecnologia

-si prevede un tutoraggio da parte di alunni delle classi quarte e quinte dell'Istituto Cennini

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo